Logo

Benvenuto nella directory di articoli gratuiti, Guest

Cerca:

Home » Lavoro-e-professioni » Come diventare amministratore di condominio?

Come diventare amministratore di condominio?

  • pdf Articolo in PDF
  • |
  • stampante Anteprima di stampa
  • |

di: gbattinelli
Parole: 418 | Visite totali: 22

Come diventare amministratore di condominio oggi? Quali sono i requisiti richiesti?

La 220 del 2012,  nota come la "Riforma del condominio", ha disciplinato molti degli aspetti riguardanti la gestione del condominio. Trattandosi di una riforma attesa da circa 70 anni, sono stati ridiscussi tanti capisaldi della gestione condominiale, introducendo a volte delle semplificazioni, altre volte un aumento della complessità, come riguardo ai requisiti per diventare amministratore di condominio.

La domanda che oggi può farsi una persona interessata ad entrate nel campo dell'amministrazione condominiale è la seguente:

Posso diventare amministratore di condominio? Ho i requisiti giusti?

È probabile che la persona interessata parta da questo quesito, a cui proveremo a dare una risposta esaustiva.

La riforma del condominio si esprime anche sui requisiti per diventare amministratore di condominio, indicando 7 requisiti necessari per la nomina; di questi cinque sono dedicati all'onorabilità della persona, due alle sue competenze professionali.

Rispetto all'onorabilità è necessario che l'interessato abbia il godimento dei diritti civili, non abbia condanne penali, non sia sottoposto a misure di prevenzione, né di interdizione o inabilitazione. Per finire l'interessato non deve essere presente nell'elenco dei protesti.

Sono previste delle eccezioni per poter diventare amministratore di condominio?

Iniziamo dicendo che per diventare amministratore di condominio per questi requisiti non sono previste eccezioni!

La mancanza di uno di questi 5 requisiti impedisce all'interessato di intraprendere la strada della gestione condominiale.

Come competenze professionali, per diventare amministratore di condominio servono il diploma di scuola media superiore e un corso formativo iniziale. In tal senso è fondamentale proseguire l'attività di formazione periodica in materia di amministrazione condominiale.

Diciamo subito che la normativa, rispetto ai due punti sulle competenze professionali, si mostra meno rigida rispetto ai requisiti di onorabilità.

Rispetto a questi requisiti, infatti, resta valida per l'interessato la possibilità di affacciarsi nel mondo della gestione condominiale e diventare amministratore di condominio purché:

  • faccia parte dei condomini dello stabile
  • abbia amministrato almeno un condominio nei tre anni precedenti all'entrata in vigore della riforma del condominio
  • abbia aperto la partita iva per l'esercizio di questa attività (codice attività 68.32.00)

Qualora fosse verificata una sola delle eccezioni previste si potrà procedere col solo verificarsi dei requisiti sull'onorabilità (primi 5 requisiti).

Informazioni sull'Autore

Giuseppe Battinelli

https://www.condominiosereno.it 

https://www.unconsigliosu.it 

https://www.softemotion.it  

Fonte: Article-Marketing.it

Ripubblica questo articolo gratuitamente nel tuo sito

Clicca all'interno dell'area e copia il contenuto evidenziato. L'articolo è così pronto per essere ripubblicato dove vuoi.