Logo

Benvenuto nella directory di articoli gratuiti, Guest

Cerca:

Home » Scienza-e-tecnologia » Smartphone e stili di vita

Smartphone e stili di vita

  • pdf Articolo in PDF
  • |
  • stampante Anteprima di stampa
  • |

di: Massinissa
Parole: 1539 | Visite totali: 6002

Chiamarlo telefonino ormai è riduttivo. Questo piccolo oggetto elettronico multifunzionale ha rivoluzionato nel giro di pochi anni le nostre abitudini, tanto da divenire per la maggior parte degli italiani quasi indispensabile.

Oltre a fare da agenda, fotocamera, videocamera, a connettersi in rete, scaricare la posta, lavorare ovunque, permette perfino di giocare anche a giochi complessi come Angry Birds, Candy Crush Saga o Pou. Il cellulare inoltre, fornisce informazioni di ogni genere (traffico, meteo, sanitarie, news) e permette anche di effettuare micropagamenti.

Ad esempio a Siena si possono acquistare i biglietti per i mezzi pubblici e Trenitalia consente ormai da anni l'acquisto dei biglietti via cellulare e ha messo a disposizione un servizio per i viaggiatori nel caso di ritardi o disfunzioni.

Con le famose “App” è possibile estendere l’esperienza di utilizzo dello smartphone ampliando sempre di più l’utilizzo di questo oggetto. Si contano infatti svariate migliaia di applicazioni per tablet e smartphone, tanto che gli app store delle maggiori piattaforme, Android ed Apple, sono annoverati tra i siti più visitati in assoluto

Ma che cos’è in sostanza uno smartphone?

Uno smartphone o in italiano “telefonino intelligente”, “cellulare intelligente”, “telefonino multimediale” ed è un dispositivo mobile che abbina funzionalità di telefono cellulare a quelle di gestione di dati personali grazie alla presenza di particolari applicazioni ad hoc.

Quindi uno smartphone è un cellulare che, per le innumerevoli funzioni disponibili, risulta essere molto simile ad un computer. Ha un suo sistema operativo, può navigare in internet ad alta velocità, connettersi al pc e sincronizzare posta elettronica e altre informazioni (come ad esempio la rubrica telefonica) o usare un browser per connettersi alla rete.

Ha la memoria espandibile per contenere molti file (musicali e non), la fotocamera evoluta per fare foto di alta qualità ed è dotato di connessioni wi-fi, traffico dati e bluetooth.

Uno smartphone è utile per il lavoro, perché permette di leggere file Word senza bisogno del pc; ma anche per il tempo libero, perché consente di avere sempre a disposizione la propria casella di posta elettronica. La modalità Push consente di visionare le proprie e-mail e riceverle automaticamente nella "Posta in arrivo". Infine si ha la possibilità di fruire di innumerevoli giochi scaricandoli gratuitamente, come per esempio il già citato gioco per android Pou.

In genere gli smartphone hanno un display grande (4-5") che si può spegnere semplicemente appoggiandolo all'orecchio (il sistema intuisce che si sta effettuando una chiamata e spegne il display).

La presenza di browser specifici per l’utilizzo mobile è uno degli aspetti distintivi di questi dispositivi: vedere le pagine web con le caratteristiche originali su uno schermo di queste dimensioni è davvero soddisfacente.

Inoltre la navigazione è agevolata dalla semplicità di utilizzo delle funzionalità touchscreen: per muoversi all'interno di una pagina basta semplicemente spostarsi con il dito e la pagina si muove di conseguenza, per aprire un link è sufficiente toccarlo una sola volta. In fondo alla pagina vi sono le classiche frecce per la navigazione, con le quali si può andare avanti o indietro nel browser.

Per quanto riguarda i sistemi operativi, le piattaforme più famoso sono:

  • Android: è un sistema operativo per dispositivi mobili organizzato in un'architettura software che include un sistema operativo di base, i middleware per le comunicazioni e le applicazioni di base. Si caratterizza per la struttura open source (escluse alcune versioni intermedie), e il suo basarsi su kernel Linux. La caratteristica open source ed il tipo di licenza (Licenza Apache) permette di modificare e distribuire liberamente il codice sorgente. Inoltre, Android dispone di una vasta comunità di sviluppatori che realizzano applicazioni con l'obiettivo di aumentare le funzionalità dei dispositivi. Queste applicazioni sono scritte soprattutto con una versione modificata del linguaggio di programmazione Java. Nell'ottobre 2012 le applicazioni disponibili presenti sul market ufficiale Android (Google Play) hanno raggiunto le 700.000 unità. Questi fattori hanno permesso ad Android di diventare il sistema operativo più utilizzato in ambito mobile, oltre a rappresentare, per le aziende produttrici, la migliore scelta in termini di bassi costi, personalizzazione e leggerezza del sistema operativo stesso, senza dover scrivere un proprio sistema operativo da zero.
  • IOS: conosciuto come iPhone OS prima dell'aprile 2010, è una versione ottimizzata del sistema operativo Mac OS X (privato delle componenti non necessarie). Le differenze tra il sistema operativo utilizzato dai computer e quello utilizzato dal cellulare non sono note, ma è possibile dire che è basato su una variante dello stesso kernel Mac e include il componente "Core animation" che supporta le animazioni dell'interfaccia. Il processore dell'iPhone appartiene alla famiglia di processori ARM, difatti il sistema operativo è compilato per questa tipologia di processori a differenza del sistema operativo per computer che è compilato per processori PowerPC e X86. Non è possibile quindi copiare semplicemente le applicazioni Mac OS X, ma queste devono essere riscritte e ricompilate per funzionare sul dispositivo. Il sistema operativo occupa circa 700 MB di spazio nella memoria flash.
  • Windows Phone è il sistema operativo per smartphone di Microsoft, presentato al Mobile World Congress il 15 febbraio 2010. È radicalmente diverso da tutte le precedenti versioni di Windows Mobile con le quali è incompatibile, ma supporta il multitouch, gli schermi capacitivi, ha una nuova interfaccia grafica molto simile a quella di Zune HD e riunisce in una sola piattaforma i contenuti di Xbox Live e Zune. Inoltre gestisce gli account di social network quali Facebook e Twitter, e possiede una nuova versione di Internet Explorer basata su Windows Internet Explorer 10. Windows Phone contiene un'edizione Mobile di Office 2013, con Word, Excel, Powerpoint, OneNote e Sharepoint.

Le diverse fasce di prezzo disponibile per l’acquisto di uno smartphone, ne ha permesso la propria espansione. Il successo alla base di questo oggetto tecnologico sono sostanzialmente due:

  • Il fatto di essere piccolo, trasportabile, e che non sacrifica l’esperienza d’utilizzo dello stesso. La semplicità d’utilizzo, l’estrema trasportabilità, abbinata all’esiguo peso e alla potenza di calcolo permette di poter fruire di un computer ovunque, permettendo di telefonare, navigare, scrivere, lavorare e giocare in qualsiasi posto ci troviamo.
  • Il prezzo. Negli ultimi anni i prezzi si sono abbassati sensibilmente, e grazie alla loro diffusione commerciale, è possibile trovare in vendita smartphone a poche centinaia di euro (a volte anche a poche decine di euro per i modelli entry-level).

Lo sviluppo di questi dispositivi, ha però modificato le abitudini e gli stili di vita degli individui dei paesi industrializzati. Se fino a qualche tempo fa l’interazione e la comunicazione avveniva tramite canale vocale (cellulare tradizionale), adesso si ha uno sviluppo verso un tipo di fruizione più “virtuale”, in cui l’interazione è meno marcata, ma si dispone su un altro piano. Quello della rete.

Il periodo precedente in cui il modello comunicativo influenzato dai cellulari di vecchia generazione era molto simile a quello faccia a faccia, dove la comunicazione procedeva per dialoghi, ha lasciato il posto a un tipo di comunicazione in parallelo, multipla e liquida.

Se in passato il modello dialogico era più simile, per usare una metafora sportiva, a quello di un match di tennis, in cui i due partecipanti si rimpallano la comunicazione, adesso è più simile a un puzzle, dove ogni tassello è preposto a ricostruire una comunicazione frammentata.

Per esempio, basta guardarsi intorno nei luoghi pubblici per scoprire come la comunicazione sia cambiata attraverso questi dispositivi: c’è chi scarica la posta o scrive una mail, altri utilizzano una app per comunicare ai propri colleghi alcuni aggiornamenti, altri giocano in multiplayer, e altri navigano sui social network, scrivendo e leggendo quello che gli sta accadendo intorno.
Questo tipo di fruizione ha modificato anche lo stile di vita e la percezione che abbiamo sul mondo, che potremmo definire “live”.

Sempre più spesso la comunicazione è di tipo “live” con un flusso ininterrotto e costante d’ informazioni e contenuti fruibili non solo “adesso”, ma anche “qui” e la percezione del luogo diventa sempre più contratta perché è possibile interagire con persone e contenuti in qualsiasi posto ci troviamo.

Ma non solo. La partecipazione a questo modello comunicativo fa si che, se non si entra a farne parte, si rischia una forma d’anonimato virtuale. Basti pensare alla tipica frase che spesso sentiamo dire da qualcuno in nostra presenza “scatta una foto col telefonino che la mettiamo su Facebook!”.

È innegabile la spinta dell’uomo a comunicare, così come ci insegna la scuola di Palo Alto “Non si può non comunicare”, e gli smartphone hanno elevato questa spinta a un livello fin’ora mai visto. Adesso sembrerebbe il momento di modificare questo assunto: “Non si può non comunicare con lo Smartphone”.

Informazioni sull'Autore

Dott. Massimo Ragionieri

Lauerato in "Media e Giornalismo" e in "Comunicazione Strategica" all'Università degli Studi di Firenze.

SEO, SEM, Social Media Manager, Web Analyzer e Web master @ Max Mile srl

 Altri riferimenti : www.trucchipou.com  | www.trucchitopeleven.it

Fonte: Article-Marketing.it

Ripubblica questo articolo gratuitamente nel tuo sito

Clicca all'interno dell'area e copia il contenuto evidenziato. L'articolo è così pronto per essere ripubblicato dove vuoi.