Logo

Benvenuto nella directory di articoli gratuiti, Guest

Cerca:

Home » Ambiente-e-natura » Packaging in cartone ondulato: una scelta per l’ambiente

Packaging in cartone ondulato: una scelta per l’ambiente

  • pdf Articolo in PDF
  • |
  • stampante Anteprima di stampa
  • |

di: WebInfinity
Parole: 481 | Visite totali: 2421

Con quasi 6 miliardi di mq all’anno prodotti solo in Italia per un totale di 11 miliardi di scatole per imballo prodotte il cartone ondulato è la scelta migliore per il trasporto delle merci.

A metà dell’800 il cartone ondulato fu inventato e brevettato quasi in sordina, ora è presente in ogni settore merceologico. Questo successo è dovuto a diversi motivi: resistenza meccanica elevata, leggerezza del materiale, biodegradabilità.

Il cartone ondulato è composto da due copertine, cioè due superfici di carta, che racchiudono un cartone ondulato detto onda. Il cartone ondulato può essere quindi a onda singola, onda doppia e onda tripla. Il segreto della sua struttura solida ma leggera risiede nell’onda che conferisce le proprietà meccaniche dell’imballo di robustezza e resistenza e nello stesso tempo conferisce un ottimo grado di ammortizzazione agli urti esterni.

Il ciclo ecologico del cartone ondulato è garantito dalla materia prima, alla sua lavorazione fino al riutilizzo giacché in Italia l’80% del cartone proviene da fibre riciclate e solo il 20% da fibre vergini provenienti da foreste di conifere e latifoglie. E’ quindi erroneo credere che l’abbattimento di foreste sia imputabile alla produzione di carta o cartone. Se pensiamo alla foresta tropicale dobbiamo considerare che gli alberi che vi si trovano non sono idonei alla produzione di carta, quindi il loro abbattimento è dovuto ad altri motivi. Infatti, se analizziamo le foreste della fascia boreale, valutabili in 100 miliardi di metri cubi, possiamo osservare come si stiano espandendo ad un ritmo di 1,3 miliardi di m3/anno contro i 600 milioni di m3/anno utilizzati dall’industria.

Per questo motivo i boxes e packaging in cartone ondulato riciclabile al 100% non solo comportano un guadagno economico netto ma anche riducono al minimo il materiale d’imballaggio presente nelle discariche. Rimane comunque il fatto che le fibre riciclate per tornare all’interno del processo produttivo richiedano una piccola percentuale di fibre vergini per avere un prodotto di buona qualità. Se consideriamo che dei circa 22 milioni di tonnellate di rifiuti solidi urbani che si accumulano ogni anno in Italia, i materiali da imballaggio rappresentano circa il 50% possiamo ben capire quanto sia importante una buona politica ambientale volta al riciclaggio di questa materia.

La natura quindi realizza un buon prodotto per trasporti. Un imballaggio di cartone ondulato, infatti, non è soggetto a restrizioni tecniche che gli impediscano di soddisfare anche le richieste più esigenti di prestazioni. Per questo motivo il cartone ondulato per imballaggio è prodotto e progettato in modo che riesca ad assolvere la funzione di trasporto, protezione del prodotto al suo interno ed esposizione della merce sugli scaffali.

Alla fine possiamo tranquillamente dire che il cartone ondulato è un ottimo compromesso ambientale per lo stoccaggio di merci tanto che è il prodotto più utilizzato dalla grande distribuzione per il trasporto delle merci.

Informazioni sull'Autore

Enrico Correzzola

WebInfinity.it 

Fonte: Article-Marketing.it

Ripubblica questo articolo gratuitamente nel tuo sito

Clicca all'interno dell'area e copia il contenuto evidenziato. L'articolo è così pronto per essere ripubblicato dove vuoi.