Logo

Benvenuto nella directory di articoli gratuiti, Guest

Cerca:

Home » Enogastronomia » Pasta artigianale al Kamut: parliamo dei Fusilli

Pasta artigianale al Kamut: parliamo dei Fusilli

  • pdf Articolo in PDF
  • |
  • stampante Anteprima di stampa
  • |

di: SEOPROCLIC
Parole: 628 | Visite totali: 1655

Pasta artigianale al Kamut. Il Kamut sta diventando sempre più noto fra gli amanti dell'agricoltura biologica e tradizionale, anche e soprattutto nell'ambito delle paste artigianali: è oggetto di studi, elemento basilare per diete dimagranti e fulcro nutritivo degli sportivi; è nominato, decantato, le sue origini si perdono quasi nella leggenda... ma che cos'è, in definitiva, la pasta al Kamut? E quali sono le sue declinazioni più fortunate?

Quello che in molti non sanno è che "Kamut" è, prima di tutto, il marchio registrato di una società statunitense con sede nel Montana. Il proposito che la società madre innalza a vessillo è quello di difendere una particolare varietà di grano di origine antica, dalle notevoli e specifiche proprietà nutritive e risultato di agricoltura biologica mai incrociata nè ibridata.

Chiunque voglia commercializzare pasta artigianale al Kamut, infatti, deve stipulare un contratto con la società statunitense e ricevere gratuitamente una licenza vincolante all'uso di particolari accortezze: utilizzare esclusivamente grano selezionato della varietà khorasan, coltivato biologicamente e mai contaminato, contenente un range preciso di proteine e selenio.

Fra storia e Leggenda. Nel 1949 Earl Dedman, aviatore americano, reperì in Egitto 32 grandi chicchi di una particolare varietà di grano e li spedì al padre in Montana: da qui l'inizio della leggenda. Tutt'oggi perdura come parte dell'immaginario comune l'idea che questi chicchi siano stati prelevati da una tomba faraonica e "risvegliati" dopo millenni di riposo. Nelle prime fiere del Montana, infatti, il cereale era promosso come "Grano del Faraone Tut" e lo stesso nome "Kamut" deriva dall'ideogramma geroglifico che sta per "grano". Più plausibilmente, invece, i chicchi furono portati in Egitto da un mercante ambulante di provenienza iraniana, come iraniano è il nome "khorasan", che ne designa la varietà.
Dopo vicende alterne e diversi tentativi di commercializzazione è fra la fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90 che il Kamut inizia ad essere veramente conosciuto ed apprezzato, anche nell'ambito della pasta artigianale.
Una serie di studi ne riconoscono le proprietà energetiche ed antiossidanti e i consumatori cominciano a rivalutare il tipo di agricoltura biologica e garantita dalla quale nasce.

E la pasta artigianale al Kamut oggi? Oggi il Kamut costituisce l'anima di miglialia di prodotti commercializzati in tutto il mondo: pasta artigianale ed industriale soprattutto, ma anche pane, pasticceria, crackers, snack, cereali, caffè, birra, bevande...

Ciò che senza dubbio resta consigliabile da parte dei nutrizionisti, per beneficiare di tutte le caratteristiche di questo particolare cereale, è affidarsi a prodotti artigianali certificati.

Prodotto esemplare, fra tanti, può essere la Pasta Artigianale al Kamut, in particolar modo il Fusillo.

Perchè proprio il Fusillo al Kamut? Quale prodotto potrebbe meglio rappresentare la tradizione enogastronomica mediterranea ed in particolar modo quella italiana?

La pasta artigianale al kamut, si sa, conserva in maniera ottimale i principi nutritivi e le caratteristiche del grano, ancor di più se quello in questione è appunto il ricco khorasan. I fusilli, infine, per la loro tipica forma (il nome deriva dal fuso delle filatrici a cui in origine venivano attorcigliati), sono in grado di trattenere al meglio ogni tipo di condimento.

Il Fusillo al Kamut è tanto apprezzato da essere perfino oggetto di concorsi e premi culinari prestigiosi, come quello indetto di recente dalla rivista italiana Gambero Rosso. All'interno di una selezione tra alcuni prodotti dei migliori pastifici italiani primi sono risultati i fusilli al kamut di un pastificio toscano, Morelli.

I posti migliori in cui provare il fusillo al kamut artigianale restano i ristoranti tradizionali, le botteghe specializzate e, in maniera più pratica, i portali e siti di e-commerce dedicati al prodotto tipico.


Informazioni sull'Autore

Valentina Orlandini

http://www.pastamorelli.it

Fonte: Article-Marketing.it

Ripubblica questo articolo gratuitamente nel tuo sito

Clicca all'interno dell'area e copia il contenuto evidenziato. L'articolo è così pronto per essere ripubblicato dove vuoi.