Logo

Benvenuto nella directory di articoli gratuiti, Guest

Cerca:

Home » Storia » La perla del Rinascimento: Urbino

La perla del Rinascimento: Urbino

  • pdf Articolo in PDF
  • |
  • stampante Anteprima di stampa
  • |

di: lmalerba
Parole: 610 | Visite totali: 4288

Uno dei gioielli di Urbino è il suo Palazzo Ducale, voluto da Federico da Montefeltro, con le sue stanze riccamente decorate ed il magnifico cortile, è un esempio mirabile di architettura del tempo ed ospita ancora oggi la Galleria Nazionale delle Marche.

Federico da Montefeltro, per decorare il Palazzo, chiamò a se tutti gli artisti migliori di un tempo: Piero della Francesca, Luciano Laurana, Leon Battista Alberti, Francesco di Giorgio Martini. Non bisogna dimenticare che, inoltre, in questo ambiente artisticamente ricco di stimoli e vivacità, hanno mosso i primi passi artisti del calibro di Raffaello e Bramante.

La Galleria Nazionale delle Marche è, com'era prevedibile da questa introduzione, il più importante museo cittadino ed al suo interno custodisce opere che vanno dal Trecento al Seicento, nonché grandi capolavori rinascimentali come: la Flagellazione di Piero della Francesca, la Muta di Raffaello, ma anche opere di Tiziano, Luca Signorotti, Francesco Barocci

Urbino possiede una lunga tradizione di artigianato artistico: in passato sono stati famosi i suoi orafi, ceramisti, pittori, basti pensare a Raffaello. Ancora oggi, nelle piccole vie del centro storico di Urbino, vi sono numerose botteghe ed officine artigianali che ancora oggi utilizzano antiche tecniche per creare splendidi oggetti che è possibile acquistare.

Una vasta raccolta di opere a carattere religioso è esposta al museo diocesano “Albani”, dove accanto ad antichi dipinti si possono ammirare capolavori di oreficeria, porcellane, paramenti sacri, codici miniati.

La casa natale di Raffaello custodisce al suo interno un affresco attribuito al pittore, nonché numerose opere d'arte tra cui copie di suoi dipinti, bozzetti ed omaggi di altri artisti al Pittore.

La vera anima di una città, però, non può esser raccontata solo tramite i suoi monumenti: bisogna percorrerla per intero (o quasi), nelle sue viette, sbirciando all'interno dei cortili dei palazzi e chiacchierando con la simpatica gente del luogo. Ecco quindi, aprirsi davanti ai nostri occhi splendide testimonianze del Rinascimento: Palazzo Odasi, Palazzo Albani ed il Palazzo Passionei. Meritano una visita anche le chiese di Santo Spirito, ldi San Francesco e San Domenico, nonchè la Cattedrale, ricostruita dal Valadier.

Fuori dalla città si estendono campi e colline ed è ancora più affascinante ammirare la città da lontano, perchè si percepisce ancora di più la bellezza delle sue forme architettoniche caratterizzate da mattoni e pietre. Nel contempo, fuori dalla città, si incontrano monumenti ricchi di storia, chiese, fortezze, antiche ville.

In provincia di Pesaro Urbino è possibile seguire itinerari di natura culturale, immersi nelle splendide architetture rinascimentali, o un itinerario storico, attraverso le rocche e le fortezze (bellissime quelle di Sassocorvaro, Gradara ed anche Pesaro).

Gli amanti della storia possono visitare anche Villa la Croce, situata poco sopra Canavaccio: è un antico borgo fondato dopo la “pax romana”, quando i territori ritornarono paludosi e le popolazioni iniziarono a radunarsi, di conseguenza, sulle colline. Il borgo è abbandonato ma molto affascinante e su di un colle situato nei pressi della chiesa, si può ammirare la Torre Brombolona con la sua campana. Un altro borgo situato a pochi chilometri da Urbino è Castelcavallino: di origine medievale, da questo luogo è possibile godere di una splendida vista sui colli di Urbino.

Informazioni sull'Autore

Lara Malerba è responsabile dei contenuti per ZeroDelta e si occupa principalmente di guide di viaggio. Negli ultimi tempi si è dedicata a un progetto relativo alle terme e a un minisito sugli outlet di Milano.

Fonte: Article-Marketing.it

Ripubblica questo articolo gratuitamente nel tuo sito

Clicca all'interno dell'area e copia il contenuto evidenziato. L'articolo è così pronto per essere ripubblicato dove vuoi.