Logo

Benvenuto nella directory di articoli gratuiti, Guest

Cerca:

Home » Viaggi-e-vacanze » Giannutri, incantevole perla nel Tirreno

Giannutri, incantevole perla nel Tirreno

  • pdf Articolo in PDF
  • |
  • stampante Anteprima di stampa
  • |

di: uccini
Parole: 684 | Visite totali: 28

Ancora poco conosciuta, l'isola di Giannutri è la più meridionale dell’Arcipelago Toscano, inclusa nei confini amministrativi del comune del Giglio, in provincia di Grosseto. Nel corso degli ultimi anni è diventata un vero e proprio simbolo del turismo ecosostenibile in Italia, grazie al connubio perfetto tra necessità di tutela dell'ambiente naturale e fruizione turistica: le rigide regole che il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano ha imposto durante gli ultimi anni hanno infatti garantito sia ai visitatori occasionali che ai villeggianti di godere in modo del tutto ecocompatibile della bellezza di questo lembo di terra circondato dal Mar Tirreno, riuscendo a tutelare la natura ancora in gran parte incontaminata della piccola isola.

Le sue dimensioni contenute (solamente 3 km in lunghezza per una larghezza massima di alcune centinaia di metri) e la totale assenza di fonti di acqua dolce hanno impedito per molti secoli la creazione di insediamenti stabili: gli unici in grado di stanziarsi a Giannutri furono i Romani, edificando una serie di cisterne per la raccolta dell'acqua piovana, ancora visibili in vari punti dell'isola; i nostri antenati poterono così sfruttare l’isola sia come come porticciolo per la pesca ed il riparo delle navi in transito nel Mar Tirreno sia come ameno luogo di villeggiatura (la splendida villa romana che si trova in località Punta Scaletta è appartenuta ai Domizi Enobarbi, famiglia di senatori della prima età imperiale di cui fece parte anche Nerone, nato col nome di Lucio Domizio Enobarbo prima di essere adottato dall'imperatore Claudio; la villa di Giannutri è visitabile ed è una delle principali attrazioni dell'isola).

Giannutri offre a chi ha il piacere di esplorarla due graziose spiaggette di sabbia (Cala Spalmatoio) e ciottoli (Cala Maestra) così come altre cale di scogli che si raggiungono tramite vari sentieri che si snodano da parte a parte lungo l’isola: Giannutri è principalmente nota agli appassionati di immersioni e di snorkeling per la bellezza straordinaria dei suoi fondali marini, dove mosse dalle correnti si agitano praterie di posidonia in cui trovano ospitalità moltitudini di pesci di ogni colore e dimensione, in un meraviglioso ambiente sommerso che nulla ha da invidiare alle barriere coralline del Pacifico e dell'Oceano Indiano.

Adagiati sui fondali in vari luoghi sommersi lungo il perimetro dell’isola si possono incontrare relitti moderni e antichi, in parte visitabili da sub inesperti, che regalano esperienze mozzafiato. La parte interna di Giannutri è dominata da impenetrabili boschi di ginepro, il cui peculiare odore resinoso caratterizza tutta l'isola, e da una ricca varietà di arbusti (mirto ed il corbezzolo tra tutti) che nella bella stagione creano paesaggi irreali grazie alla mescolanza di colori.

A Giannutri, rimasta disabitata per millenni, è nato nel corso degli anni Sessanta un grazioso villaggio turistico pensato per un pubblico raffinato, amante del lusso e delle mete non toccate dal turismo di massa (era stata predisposta perfino una pista d'atterraggio per piccoli veicoli). Il fallimento di questa iniziativa imprenditoriale ha ostacolato l’urbanizzazione di Giannutri, rimasta limitata al piccolo villaggio di Cala Spalmatoio e alle ville private nascoste tra la macchia nelle parti interne dell'isola. La maggior parte dell'isola è stata così preservata nel suo aspetto più autentico, ricco di un fascino selvaggio: Giannutri offre a coloro che amano la natura e un turismo ecosostenibile paesaggi davvero mozzafiato.

Per visitare Giannutri sono disponibili sistemazioni in ville e appartamenti situati sia nell'interno che nel villaggio di Cala Spalmatoio. Da Porto Santo Stefano partono regolarmente le motonavi che arrivano a Giannutri trasportando esclusivamente passeggeri (sull'isola non è possibile circolare con veicoli privati). Le corse sono il mercoledì ed il sabato in tutte le stagioni ma grazie agli accordi tra il consorzio di Giannutri e Maregiglio, compagnia di navigazione di Porto Santo Stefano, è possibile nella stagione estiva raggiungere l’isola in quasi tutti i giorni della settimana. Gli amanti delle vacanze incentrate sul silenzio e sul relax, a contatto con una natura incontaminata e con un mare cristallino, popolato da una fauna variegata, resteranno stupiti dalla bellezza della piccola isola di Giannutri, un paradiso incontaminato a soli 100 km in linea d'aria da Roma.

Informazioni sull'Autore

Andrea Carapellucci - Giannutri.info

Fonte: Article-Marketing.it

Ripubblica questo articolo gratuitamente nel tuo sito

Clicca all'interno dell'area e copia il contenuto evidenziato. L'articolo è così pronto per essere ripubblicato dove vuoi.